“Free Software” != “Freeware”

Solo perchè hanno una parola in comune, non vuol dire che siano uguali :P

freesw_not_freeware

Naturalmente l’output del programma è il seguente:

Output a.out

Per soddisfare gli unici due voti ricevuti nel sondaggio presente nella barra laterale – dai, l’ho aggiunto da poco :P – voglio parlarvi di Free Software.

Già in un precedente articolo ho cercato di mettere in risalto due aspetti poco noti di un programma rilasciato sotto una licenza Free Software (in particolare GPL).

In questo post invece voglio far notare come nella quotidianeità si parla di free software riferito a programmi semplicemente gratuiti e – viceversa – si parla di gratis riferendosi a programmi liberi (free software).

Software libero -> Freeware

Più volte mi è capitato di leggere in giro:

eMule lo puoi scaricare dal sito ufficiale…è freeware. Non ha bisogno del codice di registrazione.

Chi non conosce eMule?

Ebbene, eMule non è freeware! Bensì free software!

E’ per questo che potete scaricare il codice del programma, modificarlo come vi pare e – perchè no? – venderlo. Ed è per lo stesso motivo che la versione di eMule a pagamento che trovate su svariati siti NON è una truffa nè tantomeno illegale come si legge in giro :P

Certo, la truffa c’è perchè in realtà da quello che so fanno ben altro che vendere il software che dicono loro, ma non ne parlerò perchè il fatto è ben documentato.

Freeware -> Software Libero

Altra cosa che capita di leggere in giro è la seguente:

cCleaner è free…

cCleaner NON è free come “libero”, bensì come “gratuito”. Quindi, è preferibile dire “cCleaner è gratis”.  A molti possono sembrare differenze alquanto inutili e sottili, ma, credetemi, sono davvero abissali.

Che cambia tra Free Software e Freeware?

Well, mentre da un lato possiamo parlare di software sottoposto ad una licenza libera, come la GPL, dall’altro dobbiamo parlare di un software sottoposto a una licenza con restrizioni ma che rimane gratuito.

Software Libero:

Supponiamo di scrivere un programma e di desiderare che questo possa essere modificato/ridistribuito/venduto da chiunque. Ecco, questo è possibile farlo scegliendo una licenza Free Software.

Freeware:

Supponiamo ora di scrivere un programma e di volerlo distribuire gratuitamente, senza dare la possibilità agli altri di poterlo modificare, ridistribuire, vendere e inoltre di sottoporlo ad altre restrizioni più o meno piccole. E’ possibile scegliere una licenza freeware.

In poche parole le differenze sono queste. Con tre parole in più nella licenza (non si può), il programma freeware mette un imponente freno alla libera circolazione delle idee, della cultura e alla crescita professionale dei programmatori.

Spero di aver messo bene in risalto come quotidianamente ci riferiamo a due concetti completamente diversi con una sola parola. Questo purtroppo ha effetti devastanti sul Free Software ed è per questo che bisogna parlare di “Software Libero” e “software gratis”. In Italia abbiamo due parole per chiarire questa differenza: liberogratis.

Utilizziamole!